Carabinieri. Senza Parole. Non ci sono parole per commentare l’uccisione di un Carabiniere Mario Cerciello a Roma. A poche ore da una tragedia immonda da oltre Atlantico non arrivano scuse, commiati o condoglianze, ma la fredda richiesta di un’apertura di indagine perchè l’assassino statunitense è stato bendato? Un Carabiniere ucciso con 11 colpi di baionetta è un atto terroristico, e come tale deve essere trattato… massimo.demuro@iltrovalibri.it

carabinieriCarabinieri per la democrazia.
Storie dei caduti dell’Arma nella lotta al terrorismo
Giovanni Bianconi, Piero Colaprico, Andrea Galli, Carlo Lucarelli, Massimo Lugli, Roberto Riccardi, Valerio Varesi.
Introduzione del Generale C.A. Tullio Del Sette, prefazione di Paolo Mieli
Mondadori Editore
€ 19,00

«Molti anni dovranno ancora trascorrere, prima che si possa considerare chiusa definitivamente la lunga stagione del terrorismo italiano» scrive Paolo Mieli nella prefazione a questo volume. Una stagione cruenta, gli «anni di piombo», durante la quale l’Arma dei carabinieri ha pagato un tributo di sangue altissimo. Sotto i proiettili dei terroristi di destra e di sinistra, che miravano a sovvertire a colpi di mitra quello Stato che da sempre gli uomini con gli alamari rappresentano, sono caduti in trentasei: investigatori di esperienza, scelti per la loro azione efficace e coraggiosa, e semplici carabinieri colpiti a caso, per il solo fatto di indossare un’uniforme, tutte vittime sacrificali della violenza cieca, senza pietà né appello, che tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta ha seminato odio, avvelenando il clima sociale nel nostro Paese. In questa antologia, che raccoglie i contributi di Giovanni Bianconi, Piero Colaprico, Andrea Galli, Carlo Lucarelli, Massimo Lugli, Roberto Riccardi, Valerio Varesi, vengono ripercorse le storie di ognuno di loro, e insieme delle diverse fasi del terrorismo politico in Italia: dalle bombe ai tralicci in Alto Adige già negli anni Sessanta alla strage di Peteano nel 1972 a firma di Ordine nuovo, dalle spietate azioni di fuoco delle Brigate rosse, che arrivarono a rapire e assassinare Aldo Moro uccidendo tutti gli uomini della scorta, a quelle firmate da Prima linea e da altri gruppi della sinistra eversiva, passando per la violenza di segno opposto dei Nuclei armati rivoluzionari. Ma soprattutto viene data voce a mogli, figli, fratelli che videro un giorno le proprie famiglie spezzarsi e i propri cari – come scrive il comandante generale dell’Arma Tullio Del Sette nell’introduzione – «diventare eroi di una guerra che non avevano dichiarato».

Giovanni Bianconi, Piero Colaprico, Andrea Galli, Carlo Lucarelli, Massimo Lugli, Roberto Riccardi, Valerio Varesi.
Introduzione del Generale C.A. Tullio Del Sette, prefazione di Paolo Mieli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *