Post per “società”

QUELLA TENDENZA SUBLIME CHIAMATA SINDROME DI PETER PAN CHE RENDE I MASCHI, ANCHE CRESCIUTI DEI RAGAZZINI ETERNI. QUINDI LE DONNE, PER FAR FRONTE ALLE CARENZE DEL MASCHIO, SAREBBERO COSTRETTE A MOSTRARE UNA MATURITÀ AMMIREVOLE, FATICOSAMENTE MA OBBLIGATORIAMENTE CONQUISTATA. FORSE È GIUNTO IL MOMENTO DI SFATARLO, QUESTO LUOGO COMUNE: LO SCENARIO È BEN DIVERSO DA COME APPARE. DOVREMMO RAGIONARE SULL’IPOTESI CHE NON ESISTANO PIÙ, NELLA NOSTRA RICCA SOCIETÀ OCCIDENTALE, NÉ ADOLESCENZA NÉ MATURITÀ, MA SOLTANTO UNA LUNGA, LUNGHISSIMA POST-ADOLESCENZA PER UOMINI E DONNE. PER QUANTO RIGUARDA QUESTE ULTIME, POI, IN MOLTI CASI SIAMO DI FRONTE A UNA GRANDE FINZIONE: ANCHE CON SÉ STESSE, LORO INTERPRETANO RUOLI DA ADULTE QUANDO ADULTE NON SONO. ESISTONO UN’INFINITÀ DI COMPORTAMENTI, ATTEGGIAMENTI, ABITI MENTALI A DIMOSTRARLO. LUNGI DAL VOLER AVVALORARE UN TEOREMA O DAL CHIAMARSI FUORI DALLA CATEGORIA, SUSANNA SCHIMPERNA RACCOGLIE IN QUESTE PAGINE VERE STORIE DI DONNE DI OGNI ETÀ CHE NON VOGLIONO CRESCERE…massimo.demuro@iltrovalibri.it

ETERNE ADOLESCENTI Donne che non vogliono crescere di Susanna Schimperna Cairo Editore euro: 14,00 Siamo di fronte a un luogo comune: gli uomini sono, con poche eccezioni, affetti dalla sindrome di Peter Pan che li rende cronicamente immaturi, ragazzini eterni. Quindi le donne, per far fronte alle carenze del maschio, sarebbero costrette a mostrare una maturità ammirevole, faticosamente ma obbligatoriamente…

Si può far finta che i social network non esistano? Che il web sia superfluo? Che l’e-commerce possa esser ridotto al livello di infima branca commerciale secondaria? E a che prezzo? Possiamo definirci uomini wireless in una civiltà wireless, che ha a propria disposizione il trampolino per un salto epocale, paragonabile solo all’invenzione della stampa. Per la prima volta nella storia, attraverso i terminali che portiamo con noi – cellulari, tablet, notebook –, in collegamento con la rete, cioè col mondo, possiamo considerare realistica l’utopia di un’accademia universale in cui ognuno è discente e docente, un luogo di sapere senza confini le cui aule ci accolgono perennemente, per una formazione che duri l’intera esistenza. Un anfiteatro delle vicende umane in cui tutti sono spettatori e, al contempo, attori protagonisti. L’universo informatico, la codifica digitale, le banche dati, gli ipertesti, gli iperdocumenti non solo offrono la possibilità di sviluppare sapere in tempi sempre più brevi, ma impongono un approccio fatto di continuo scambio con la società e di formazione permanente in ogni aspetto della nostra vita. (redazione)

Now! Danilo Iervolino Mondadori Editore euro: 17,00 Oggi appare ovvio parlare di social network, di sharing, di opportunità legate alla Rete e all’utilizzo del Web, anche se spesso ci dimentichiamo che si tratta di un’innovazione recente, fra le più potenti e rivoluzionarie degli ultimi duecento anni. La generazione di coloro che non sono «nativi digitali» – chi è nato prima…

Angelo Ferracuti, non nuovo al genere del romanzo-verità in presa diretta sulla società in cambiamento, ambienta il nuovo libro in una zona della Sardegna che in passato dava lavoro a migliaia di persone e che adesso è praticamente abbandonata. Siamo nel Sulcis-Iglesiente, terra di miniere e dell’epica operaia, e ora provincia più povera d’Europa con i suoi 30.000 disoccupati su 130.000 abitanti e 40.000 pensionati spesso usciti dal mondo del lavoro dopo aver contratto malattie terribili come la silicosi. Ecco la crisi di un mondo…(redazione)

“Addio” “Il romanzo della fine del lavoro” di Angelo Ferracuti Chiarelettere ebook euro:9,99 “SMETTETE DI PARLARMI DEL MARE MENTRE SIAMO IN MONTAGNA.” PIER PAOLO PASOLINI “MI SEMBRAVA L’UNICA COSA DA RACCONTARE, ANCHE UNA FORMA DI RIBELLIONE NEI CONFRONTI DEL PENSIERO DOMINANTE, CHE ARTATAMENTE RACCONTA SEMPRE UN’ALTRA STORIA, ELUDENDO QUALSIASI CONFLITTO CHE STORICAMENTE È UNO SOLO, QUELLO TRA CAPITALE E LAVORO.”…

Il duello permanente fra la sinistra liberalsocialista, determinata a universalizzare la fruizione dei diritti e delle libertà, e la sinistra totalitaria, animata da un progetto profondamente liberticida centrato sull’idea che la costruzione del comunismo esigeva l’abbattimento violento di tutte le istituzioni sociali esistenti e l’instaurazione del terrore catartico quale strumento di purificazione della società borghese, corrotta e…(redazione)

Cattivi maestri della Sinistra Gramsci, Togliatti, Lukàcs, Sartre e Marcuse di Luciano Pellicani  ASCOLTA L’INTERVISTA Rubbettino editore euro:10,20 Sin dalla Rivoluzione Francese, che le ha dato i natali, la sinistra non è mai stata un singolare. Sono sempre esistite due sinistre di cui una era la negazione secca dell’altra. Di qui il duello permanente fra la sinistra liberalsocialista, determinata a…

Davide Giacalone. La recessione ha prodotto ristrutturazioni e ripartenze, ma anche lo schiumare di rabbie indistinte e il crescere della società gemebonda. Esempi concreti (Ilva, Rtl 102.5, Tabaccai e Zamperla) aiutano a capire come abbiamo aggravato la crisi e perso occasioni. Come rimediare e cogliere opportunità. Calimero è perdente perché si sente tale. Ma non basta la retorica, per dirsi vincenti. Né basterà una lavata. La Sindrome di Calimero va…(redazione)

SINDROME CALIMERO Per l’Italia che corre contro quella che le sega le gambe di Davide Giacalone Rubbettino Editore euro: 12,75 Se guardi l’Italia dall’esterno sembra impossibile che sia in crisi. Se la guardi dall’interno sembra impossibile che si regga in piedi. Quella che ha saputo cavalcare la globalizzazione cresce. Quella che ha praticato la lamentazione si rattrappisce. La recessione ha…

Mentre Obama si appresta a lasciare la Casa Bianca, Massimo Teodori traccia un primo bilancio del suo operato, rispondendo ad alcuni interrogativi: ha portato l’America alla decadenza o ha rinnovato il Paese più ricco e potente del mondo? Ha combattuto il terrorismo o ha favorito, con l’isolazionismo, l’avanzata dell’Isis? Ha affrontato il razzismo o non è riuscito a ridurre le tensioni che agitano la società americana? È stato dalla parte dei ricchi di Wall Street o del ceto medio di Main Street? In breve: la sua presidenza è stata un successo o un fallimento? (redazione)

Obama il grande di Massimo Teodori Marsilio Editori ebook euro7,99 Da uno dei massimi esperti in Italia di storia americana un libro controcorrente su Barack Obama, il «grande presidente» che ha rinnovato la politica estera degli Stati Uniti e ha affrontato le diseguaglianze tra ricchi e poveri. Mentre Obama si appresta a lasciare la Casa Bianca, Massimo Teodori traccia un primo…

L’atteggiamento dei media è stato superficiale, tant’è che nessuno credeva che Trump potesse davvero vincere la nomina. In questo libro si indaga sulle correnti profonde della società americana che hanno spinto il candidato repubblicano – e anche il “socialista” Bernie Sanders – a stravolgere la politica americana. È in atto un riallineamento dell’elettorato statunitense: la divisione sta andando da democratici-repubblicani a establishment-outsider. Dopo quest’anno l’America non sarà più la stessa…(redazione)

Perché vince Trump di Andrew Spannaus Mimesis edizioni euro: 10,00 Un analista americano che conosce bene anche l’Italia spiega le vere motivazioni dietro al successo di Donald Trump e l’opportunità offerta da questa rivolta degli elettori. L’atteggiamento dei media è stato superficiale, tant’è che nessuno credeva che Trump potesse davvero vincere la nomina. In questo libro si indaga sulle correnti…