DALL’ETERNITA’ A QUIdi Sean Carroll Uno dei più brillanti fisici della nuova generazione delinea un nuovo, sorprendente approccio allo studio dell’universo, interamente fondato sulla caratteristica più ovvia e insieme enigmatica del tempo: il fatto di avere una direzione. Ma il dilemma della freccia del tempo non inizia con telescopi giganteschiContinua

INGRATIdi Maria Rita Parsi Cos’è la “Sindrome Rancorosa del Beneficato”? Una forma di ingratitudine? Ben di più. L’eccellenza dell’ingratitudine. Comune, per altro, ai più. Senza che i molti ingrati “Beneficati” abbiano la capacità, la forza, la decisionalità interiore, il coraggio e, perfino, l’onestà intellettuale ed etica di prenderne atto. LaContinua

DRITTO AL CUOREdi Flavia Pennetta “La linea di fondocampo è il posto più dimenticato del tennis. Lì posso dire e fare di tutto: il mondo mi guarda, ma nessuno mi raggiunge.” Il tennis è lo sport più individuale di tutti e chi vuole emergere deve diventare una macchina fredda, egoista,Continua

IL DIAVOLO, CERTAMENTEdi Andrea Camilleri Annidato nell’ombra, travestito abilmente, pronto a “scoperchiare” la vita: è il Diavolo, certamente. 33 racconti di 3 pagine ciascuno: 333 e non 666 perché questo, come tutti sanno, è il numero della Bestia, e non si discute sul fatto che mezzo diavolo è sempre meglioContinua

OGGI COME ALLORAdi Diane Keaton Un libro esistenziale e raffinato, un vero mémoir sulla sua vita. Dopo la recente malattia e poi morte dell’amatissima madre, una toccante riflessione sulla vita e la carriera dell’attrice. Un raffinato mémoir in cui Diane Keaton racconta la sua vita e il rapporto con laContinua

FARABUTTO 2.0di Vauro Senesi Impenitenti, sarcastici, ironici, velenosi, ma anche inaspettatamente poetici: gli scritti satirici di Vauro riverberano il suo sguardo graffiante sull’Italia, la nostra politica, il pantano nostrano e internazionale. Sono ognuna a suo modo – dichiarazioni d’amore: non quello sdolcinato buono al più per incartare cioccolatini, né quelloContinua

COME SASSO NELLA CORRENTE di Mauro Corona “Tutto le ricordava lui perché lui era tutto. Era albero, roccia, torrente, montagna, mani, attrezzi, quaderni, libri, corde, chiodi, vino, luci, ombre.”In una stanza immersa nella penombra una donna ancora bella, giunta all’autunno della vita, si muove lentamente appoggiandosi a un bastone. IntornoContinua